Coopfond

Coopfond – il fondo nazionale della cooperazione – ha compiuto, nel 2018, venticinque anni. Comunicare questa ricorrenza è stata una sfida che ha permesso di sfruttare gran parte delle competenze di Be Open. Alla nostra professionalità abbiamo affiancato una sensibilità specifica: sapere raccontare il mondo cooperativo. Capacità che abbiamo maturato lavorando per cooperative diverse per numero di addetti e settore di appartenenza, e – non da ultimo – approfondendo il significato di mutualismo e cooperazione attraverso il nostro stesso essere parte di Open Group, cooperativa composita e dinamica.

 

 

La richiesta era celebrare la ricorrenza raccontando non solo la storia ma anche il futuro del Fondo. Un evento capace di racchiudere diversi strumenti comunicativi, ricco ed eterogeneo, capace di coinvolgere il pubblico, autorevole ma non elitario, e soprattutto capace di prendere le distanze da una celebrazione autoreferenziale. È da questi input, e attraverso una roadmap creativa interna confrontata passo-passo con Coopfond, che abbiamo definito il taglio da dare all’evento, nonché gli elementi primari di visual e copy.

L’headline ideato definisce in maniera netta l’oggetto della celebrazione e il payoff coniuga l’etica e l’economia. Il visual mette in relazione elementi di pregio con altri più pop: l’oro e il bordeaux corporate, nonché la formalità geometrica del pattern sono bilanciati dai volti sorridenti – diversi per età ed etnia – dal font morbido del “25” e da colori più soft come il turchese e il blu.

Una volta definita, la matrice testuale e visiva è stata declinata negli strumenti più adatti al progetto. Ogni strumento è stato pensato per una diversa fase del piano di comunicazione, dalla disseminazione iniziale (come ad esempio la grafica per newsletter) all’evento stesso. I roll-up e le animazioni trasmesse a loop sugli schermi sono stati realizzati per dare visibilità al brand, restituendo unità stilistica al luogo dell’evento (l’Auditorium di Via Vittorio Veneto a Roma). Per accompagnare la platea nella lettura di quanto avveniva sul palco e negli spazi limitrofi abbiamo realizzato un programma di sala, dei cavalieri da tavolo, “tappi” statici per proiettare informazioni e realizzato delle paline; strumenti votati alla praticità, grazie a copy concisi ma esaustivi e a visual ad alta leggibilità. Abbiamo inoltre creato una carpetta originale – il “kit di sala” – contenente tutti materiali informativi.

 

 

Un evento è qualcosa di circoscritto e temporaneo. Abbiamo così pensato di realizzare un prodotto che ogni partecipante avrebbe potuto conservare a ricordo della giornata. La pubblicazione è stata una lavorazione ricca di variabili sia in fase di ricerca che di soluzioni realizzative. Un prodotto, elegante ed eterogeneo nella forma e nei contenuti, tenuto insieme dalla timeline dei principali avvenimenti della storia di Coopfond che scorreva a piè di ogni pagina. La ricerca estetica è approdata a una copertina fuori dagli standard – un 15 x 21cm realizzato in soft touch con titolo in rilievo, bianco su bianco. Il contenuto è stato invece ordinato in tre differenti contenitori. Il primo – quello più istituzionale – raccoglie le testimonianze dei presidenti e direttori (la redazione giornalistica si è occupata di intervistarli sui temi più rilevanti della loro attività). Il secondo contiene infografiche, box e tabelle capaci restituire una chiara fotografia del Fondo. L’ultima sezione racchiudeva invece il testo della pièce teatrale che inaugurava la giornata romana.

 

 

La pièce teatrale è stata ideata e scritta, individuando i nuclei narrativi insieme alla committenza, dai nostri autori. Una rappresentazione di circa venti minuti capace, attraverso lo sviluppo di alcuni termini chiave, di generare una riflessione sui valori presenti e futuri della cooperazione. Un modo diverso per dare il La alla giornata. I tre attori che hanno interpretato la pièce non sono stati gli unici della giornata: con la committenza abbiamo infatti pensato di chiudere l’evento con un video. Uno spot, interpretato da due attrici, scritto e prodotto da Be Open, capace di raccontare il mondo cooperativo, in maniera fresca e contemporanea, lontano dagli stereotipi. Tra il teatro e lo spot si sono avvicendati sul palco dirigenti di Coopfond e del mondo cooperativo per poi lasciare spazio ad un talk show. Be Open ha proposto il format – una tavola rotonda condotta da un moderatore – e selezionato, insieme alla committenza, i partecipanti – un gruppo di giovani professori universitari.

X
Questo sito usa i cookie per offrirti la migliore esperienza possibile. Procedendo con la navigazione sul sito o scrollando la pagina, accetti implicitamente l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Informativa sull'utilizzo dei cookie Accetto